Cerchi qualcosa?

Lido di Camaiore – Terre di Toscana..a tanto così dal paradiso!!

Il Tramonto sul Tirreno

Terre di Toscana a Lido di Camaiore è una manifestazione organizzata dal capacissimo ed umilissimo Sig. Pardini e racchiude il meglio che la Toscana vitivinicola possa offrire.

Arrivata alla sua ottava edizione, l’evento si svolge da sempre come da sempre presso l’Una Hotel, ambiente scenografico ed accogliente posizionato a pochi metri dal mare, nelle quali sale i migliori produttori provenienti da tutte le province toscane espongono in degustazione i loro gioielli, spesso carichi di premi e recensioni positive.

IMG_6136

L’Una Hotel, la location

E’ lunedì e ci si appresta di buona mattina a partire per lidi lontani attraversando l’Italia per la sua larghezza. Dall’Adriatico al Tirreno con un pulmino e 10 amici al seguito ci dirigiamo verso Lido di Camaiore. Il viaggio non è dei più semplici e memori di altre edizioni scegliamo l’opzione “pulmino” che ci permette di godere a pieno della giornata.

IMG_6103Il nostro “traghettatore” è l’amicissimo Dino, già compagno di altre scorribande. Dino è un “toscanaccio doc” e come tale ha sempre pronta una battuta o un intercalare capace di metterti di buon umore.

Giungiamo a destinazione alle 11.30 e procediamo con l’accredito, ma solo dopo la solita lauta colazione da Aldo al quale lasciamo un attestato di stima. Il nostro pensiero è rappresentato da una bottiglia di vino commemorativa con una stampa che lo rappresenta vicino ad uno dei suoi saporitissimi prosciutti e contornata da tutte le firme di chi ha goduto delle sue colazioni.

Una volta entrati i volti che incontriamo sono gli stessi già visti tante volte negli ultimi giorni alle tante Anteprime alle quali abbiamo presenziato. Con produttori e persone intervenute ci si saluta ormai con la familiarità e l’amicizia di chi si conosce e stima da tempo.

Tanto tanto i produttori, ma ciò che più ci sorprende è che ci siano altre persone che come noi non hanno perso un’anteprima!!

I banchi ravvicinati colmano il primo piano dell’hotel dislocandosi nella “Promenade” situata lungo un corridoio che per concentrazione di cantine prestigiose mi fa sentire come un galeotto in un Night Club!

La sala più grande racchiude i restanti produttori invitati da ogni angolo di Toscana.

IMG_6125

L’organizzatore

L’incontro con l’organizzatore dell’evento, il Sig Pardini (quello con il cappello), ci permette di capire perché questa manifestazione abbia un sapore particolare. Si dimostra infatti persona semplice, corretta ed umile. Vestito in maniera informale risponde al nostro disappunto di non aver trovato annate vecchie in degustazione giustificandosi con la decisione di proporle con cadenza biennale. Il tutto per non gravare sulla disponibilità delle cantine e per non distogliere attenzione dalle annate in anteprima presentate.

 

IMG_6173

Il Re del Brunello, Salvioni

Altro incontro da incorniciare è stato quello con il “maestro” del Brunello Salvioni che rappresenta l’essenza di Montalcino e delle sue tradizioni. L’incontrarsi soventemente ha suggellato la giusta confidenza per un simpatico siparietto che ci ha fatto capire il carattere del peronaggio e quello del suo vino!

 

Ora lascio che le immagini parlino per me e che la vista delle stesse aumenti la vostra salivazione ed il rimorso di non avere almeno una delle bottiglie fotografate sotto mano pronta per esser stappata. 

Felsina: presenta la nuova annata in commercio di Fontalloro, uno dei migliori Sangiovesi di Toscana.

IMG_6104

Felsina

Tenuta di Trinoro: sicuramente il rosso più suadente della giornata. Prodotto ogni anno con le percentuali di uvaggio differenti in base alle qualità delle stesse.

IMG_6106

Tenuta di Trinoro

Podere Il Carnasciale: con il suo vitigno Caberlot (attenzione non è un taglio di Cabernet e Merlot ma un’uva di nome Caberlot ..) presenta l’annata 2010 e 2011. Personalmente ho trovato molto più grande in divenire la ’11. Il packaging è quello consueto in formato Magnum con le etichette che di anno in anno cambiano lievemente la tonalità pastello. Vedere le sfumature di tutte le annate in fila è davvero una cosa bella, partecipare ad una loro verticale è invece una delle cose più belle che possano capitare!

IMG_6172

Podere Il Carnasciale

Isole e Olena: Tralasciato il Chianti Classico già degustato a Firenze abbiamo potuto apprezzare lo Chardonnay elevato in legno. Eleganza e struttura si fondono per dare vita al miglior bianco della giornata. Il “Cepparello” si conferma come sempre un’ottima bottiglia.

IMG_6111

Isole e Olena

Salvioni: Nonostante l’avessi già degustato a “Benvenuto Brunello” mi ci sono fiondato con la consapevolezza di chi sa che sta per avere un momento di estasi. Salvioni non fa “Rosso di Montalcino”, non produce “Riserva” e non esce con “Selezioni”.

Utilizza legni grandi come da tradizione per creare un solo ma magistrale vino..il suo “Brunello”!

IMG_6112

Salvioni

 

 

 

Le Macchiole: Vitigni internazionali in assemblaggio o in purezza compongono la gamma di questa splendida cantina. Partendo da “Le Macchiole” arrivando al “Messorio” 2001 presentato nel decanter si conferma come una delle cantine con il livello dei vini tra i più alti.

IMG_6113

Le Macchiole

Caparso: Che persona eclettica è il proprietario della cantina Caparso! Capace di portare una miriade di annate differenti e una gamma di prodotti ampissima. Dei suoi vini si denota la grandissima longevità. Un produttore con la “P” maiuscola che lavora davvero bene da sempre.

IMG_6115

Caparso

Castello di Ama: Già apprezzato al Chianti Collection e ancor prima al Merano Wine Festival di Novembre fa parlar di se non solo per “L’Apparita” ma anche per il “Vigna San Lorenzo” che anche prestigiose guide l’hanno annoverato come una tra le migliori etichette italiane.

IMG_6117

Castello di Ama

Colle Massari: Con le due linee di prodotto “Colle Massari” ma soprattutto  “Grattamacco” rappresentano al meglio lo spirito toscano della zona Bolgheri.

IMG_6119

Grattamacco

IMG_6118

Colle Massari

Montevertine: “Pergole Torte” non credo necessiti di presentazioni. Un magnifico Sangiovese che ha rappresentato personalmente una boccata di ossigeno tra tanti “vitigni internazionali”

IMG_6120

Montevertine

Fontodi: Con il “Flaccianello della Pieve” si conclude l’exploit dei grandi Sangiovesi toscani..ma si conclude bene!

IMG_6123

Fontodi

Santa Felicita: Ottima scoperta! “Sempre Mai” e “Cuna” in rappresentanza del Casentino.

IMG_6130

Santa Felicita

Col d’Orcia: Non presente a Montalcino non ci siamo fatti scappare il “Poggio al Vento 2007”

IMG_6131

Col d’Orcia

 

Lascia un commento